Home Page – Solidarietà queer nella pandemia

HOME:

La pandemia in corso ha messo a nudo la vulnerabilità di tutti i corpi e la loro interdipendenza con specie, popolazioni, territori. Ha mostrato in modo più nitido limiti e contraddizioni del modello economico e sociale che ora chiamiamo normalità e che non era certo un luogo sicuro e accogliente per gli anormali, ma era basato su gerarchie, violenza eteropatriarcale, sfruttamento, inclusione differenziale. Non tutti i corpi contavano e contano allo stesso modo e non sono tutti ugualmente vulnerabili: se la gestione della pandemia ha acuito la precarietà per tutti, come queer (froce, lelle trans*, lgbtiq+, sex worker, razzializzate…) spesso ci trovavamo già tra i soggetti più marginali e ora siamo invisibilizzat* ed esclus* anche dalle retoriche familiste di unità patriottica nella “guerra” contro il nemico invisibile. Come queer ci mancano cose materiali e immateriali ugualmente essenziali: cibo, reddito, accesso alla salute, la socialità frocia, lo spazio pubblico, le piazze, il cruising, l’incontro dei corpi fuori dallo spazio domestico, la comunità politica nella quale potersi riconoscere che no, non è la nazione bianca eterosessuale. Per questo sentiamo l’esigenza di connetterci, di agire mutualismo e solidarietà queer, di scambiare risorse, cibo, denaro, parrucche e paiettes e di ricostruire uno spazio virtuale dove incontrarci e condividere bisogni e desideri. Chiuse nelle case, noi che spesso dalle case natali siamo scappate o scacciate, o costrette a lavori sociali e di cura che ci espongono al rischio contagio, continuiamo a ricostruire reti affettive e parentele e a pensare collettivamente al dopo che è già qui, alla coesistenza con il virus e alla crisi che sta portando, perché non sia il ritorno alla normalità e non sia nemmeno peggio. Prepariamo e agiamo da subito la lotta della vita contro il profitto, della cura contro la selezione, del desiderio contro la paura e ci connettiamo alle richieste di reddito di autodeterminazione, accesso alla salute pubblica per tutt* (a partire da chi non ha casa, sta in carcere o in strutture collettive come Cas e Rsa), diritto a lavorare in sicurezza, autorganizzazione della cura e riconoscimento del lavoro di riproduzione sociale come centrale. Perché non si tratta di sperare in un ritorno alla normalità, che per noi era il problema, si tratta di ripensare le basi della ri/produzione sociale ed ecologica.
Facebook: B-side Pride – Instagram: @bsidepride

Puoi navigare il sito per aree tematiche:

Mutualismo. Aiuti, risorse, mutualismo queer nella pandemia
Aiuti, risorse, mutualismo queer nella pandemia
Sbarcare il lunario: reddito, casa, redistribuzione
Sbarcare il lunario: reddito, casa, redistribuzione
Salute dal basso
Salute dal basso
Qultura. Arte, cultura, socialità frocia-lella-trans nella pandemia
Arte, cultura, socialità frocia-lella-trans nella pandemia
Analisi e approfondimenti sull'epidemia Covid-19
Analisi e approfondimenti sull’epidemia Covid-19
Tutti gli articoli in ordine di pubblicazione
Tutti gli articoli in ordine di pubblicazione

 

Nel menù a destra puoi leggere il punto di vista del bside su Sex Work, Hiv, Migrazione, Lavoro, ecc.
Se hai esigenze, desideri o bisogni, se vuoi dare una mano o hai idee da proporre contattaci
Se vuoi semplicemente incontrare gente in uno spazio virtuale queer entra nella PiazzaLellaFrociaTrans